Collaboratori DS
Animatore Digitale
Collaboratori di Plesso
Funzioni Strumentali

Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) è il documento di indirizzo del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per il lancio di una strategia complessiva di innovazione della scuola italiana e per un nuovo posizionamento del suo sistema educativo nell’era digitale.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

– Decreto del MIUR n. 435, 16 giugno 2015 : stanzia risorse per l’organizzazione, a livello capillare su tutto il territorio nazionale, di percorsi di formazione diretti concretamente a favorire un pieno sviluppo del processo di digitalizzazione delle scuole attraverso l’animatore digitale, un docente individuato sulla base della normativa vigente nell’ambito di ciascuna istituzione scolastica.

– Legge 13 luglio 2015, n. 107: prevede l’adozione del Piano nazionale per la scuola digitale al fine di introdurre, nel mondo della scuola, azioni e strategie dirette a favorire l’uso delle tecnologie nella didattica e a potenziare le competenze dei docenti e degli studenti nel campo del digitale.

– Il 27 ottobre 2015, decreto del MIUR, prot. n. 851, adotta il Piano nazionale per la scuola digitale (PNSD) –

Il team Innovazione Digitale è costituito dall’animatore digitale e dal team digitale

L’Animatore Digitale affianca il Dirigente e il Direttore dei Servizi Amministrativi (DSGA) nella progettazione e realizzazione dei progetti di innovazione digitale contenuti nel PNSD: è un docente della scuola, mai un professionista esterno, trattandosi di una figura che: richiede un’integrazione forte nella scuola, una conoscenza del PTOF (“nell’ambito delle azioni previste dal piano triennale…”) e della comunità scolastica.

In concreto, l’Animatore deve coordinare la diffusione dell’innovazione a scuola e le attività del PNSD anche previste nel piano nel Piano triennale dell’offerta formativa della propria scuola. Si tratta, quindi, di una figura di sistema e non un semplice supporto tecnico. I tre punti principali del suo lavoro sono:


Formazione interna: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l’organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente un formatore), favorendo l’animazione e la partecipazione di tutta la comunità scolastica alle attività formative, come ad esempio quelle organizzate attraverso gli snodi formativi;

 

Coinvolgimento della comunità scolastica: favorire la partecipazione e stimolare il protagonismo degli studenti nell’organizzazione di workshop e altre attività, anche strutturate, sui temi del PNSD, anche attraverso momenti formativi aperti alle famiglie e ad altri attori del territorio, per la realizzazione di una cultura digitale condivisa;

 

Creazione di soluzioni innovative: individuare soluzioni metodologiche e tecnologiche sostenibili da diffondere all’interno degli ambienti della scuola (es. uso di particolari strumenti per la didattica di cui la scuola si è dotata; la pratica di una metodologia comune; informazione su innovazioni esistenti in altre scuole; un laboratorio di coding per tutti gli studenti), coerenti con l’analisi dei fabbisogni della scuola stessa, anche in sinergia con attività di assistenza tecnica condotta da altre figure.

L’animatore si trova a collaborare con l’intero staff della scuola e in particolare con Il Team per l’innovazione digitale, costituito da 3 docenti, che ha la funzione di supportare e accompagnare l’innovazione didattica nell’istituzione scolastica e l’attività dell’Animatore digitale.

LE FUNZIONI STRUMENTALI

OGNUNO E' UN GENIO!

Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità ad arrampicarsi sugli alberi, lui passerà tutta la vita a credersi stupido!

Le funzioni strumentali sono incarichi che, con l’approvazione del Collegio Docenti, il Dirigente Scolastico affida a docenti che ne hanno fatto domanda e che, in base al curriculum, possiedono particolari competenze e capacità nelle aree di intervento individuate per favorire a livello progettuale ed organizzativo l’attuazione di quanto indicato nel piano triennale dell’offerta formativa (PTOF).

I docenti titolari di funzioni strumentali, nei rispettivi ambiti, agiscono svolgendo attività di coordinamento organizzativo e didattico secondo le indicazioni formulate dal Collegio dei Docenti anche a sostegno del lavoro degli insegnanti. Fanno parte dello staff del Dirigente Scolastico e rappresentano un elemento professionale di raccordo fra i docenti e la direzione della scuola.

Per l’anno scolastico 2019/2020 il Collegio dei docenti con delibera n. 3 ha optato per n. 3 funzioni strumentali:

AREA 1 – GESTIONE OFFERTA FORMATIVA affidata alle docenti Ferro Maria Giocanna, Ferrara Marianna e Occhipinti Emanuela

AREA 2 – INVALSI E INNOVAZIONE DIDATTICA affidata ai docenti Della Corte Igor (Invalsi) e Carpentiere Samuel (Innovazione didattica)

AREA 3– INCLUSIONE affidata alle docenti Ercoles Lina, Cesari Tiziana e Tealdi Elena

La Funzione Strumentale per l’inclusione degli alunni con disabilità è la figura di riferimento che, in stretta collaborazione con il Dirigente Scolastico, si occupa di tutti i processi organizzativi che hanno come scopo la piena integrazione degli alunni disabili. In particolare:

– stabilisce contatti con Enti locali, Servizi e ASL per fare proposte, progetti e corsi di formazione;

– ogni anno, sulla base della pre-iscrizione, dopo una consultazione con il Dirigente Scolastico, determina il numero degli allievi disabili iscritti, valuta la gravità ed i bisogni di ogni singolo caso e chiede all’UST  di Milano l’assegnazione di un numero di insegnanti di sostegno;

– predispone, in collaborazione con il Dirigente Scolastico, le  conferme di sostegno, per l’anno scolastico successivo, di tutti gli allievi certificati, iscritti e frequentanti;

– predispone, in collaborazione con il Dirigente Scolastico, la documentazione necessaria per la richiesta alle ULSS del territorio di personale deputato all’assistenza materiale per gli alunni disabili con ridotta autonomia personale;

– Controlla la documentazione in ingresso, in itinere e predispone quella in uscita;

– accoglie i suggerimenti e le richieste dei colleghi per l’acquisto di materiale scolastico speciale;

– raccoglie i materiali didattici approntati nel tempo;

– effettua colloqui in itinere con i docenti di classe, i docenti di sostegno, gli educatori, il personale della ASL, le famiglie;

– monitora i progetti e le attività avviate.

PROGETTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2019/2020

Torna su